La sempre buona Torta della Nonna

17 dicembre 2012

Noi a prescindere da quella che è la tradizione di un dolce che esiste da una vita, ancora ci domandiamo perché si chiami Torta della Nonna in quanto a casa nostra le nostre nonne non l’hanno mai preparata. Abbiamo il ricordo di dolci buonissimi, zuppe inglesi da urlo, crostate fragranti, torte alle mele profumatissime, ma questa torta che è un classico proprio mai mangiata in famiglia e quindi, diciamoci la verità, l’abbiamo sempre un po’ snobbata. Questo è accaduto anche perché da noi in Romagna in qualunque ristorante di campagna si andasse, ti proponevano sempre tra i desserts una squisita Torta della Nonna. Logico che non ci venisse mai voglia di prepararla! Eppure, eppure essendo uno dei dolci preferiti dai mariti/fidanzati ci siamo dovuti “piegare” alla tradizione e festeggiare un bellissimo compleanno cimentandoci con impegno e amore nella preparazione di questo squisito dolce…come mai avevamo aspettato così tanto? Era perfetta, un’armonia sublime di croccantezza accompagnata ad una morbida e dolce cremosità al profumo di vaniglia. Mamma mia, anzi nonna mia che buona!!!

Frolla

- 200 gr farina 00

- 160 gr mandorle

- 3 tuorli

- 120 gr burro

- 125 gr zucchero a velo

- 1 cucchiaino raso di lievito

- 2 pizzichi di sale

- il succo di mezzo limone

Crema pasticcera

- 500 ml latte

- 5 tuorli

- 120 gr zucchero

- 1 cucchiaio abbondante di farina (50 gr circa)

- 1 baccello di vaniglia

Copertura

- 60 gr pinoli

- zucchero a velo

PROCEDIMENTO

Per la frolla

- In un cutter tritare le mandorle insieme alla farina 00 e allo zucchero a velo

- Unire poi il lievito e il sale e dare un giro veloce di frullatore

- A questo punto unire i tuorli ed il burro freddo a pezzetti ed impastare con il cutter al minimo inserendo mentre è in movimento il succo del limone
- Continuare a mandare il cutter lentamente finché non vedrete che si inizierà a formare una palla, a questo punto spegnete e continuate ad impastare a mano

- Avvolgere l’impasto nella pellicola e riporre in frigo per un’ora
Preparazione Crema Pasticcera

- Intanto che riposa la frolla procedere con la crema scaldando in un pentolino il latte con i semini raschiati dall’interno del baccello di vaniglia
- Nel frattempo in una boule lavorare bene i tuorli con lo zucchero, unire poi la farina setacciata continuando a lavorare bene con la frusta
- Quando il latte sarà bollente versarlo attraverso un colino nella boule dei tuorli lavorati mescolando bene per fare in modo che tutto si amalgami
- A questo punto riversare tutto il contenuto della boule dentro al pentolino e rimettere sul fuoco
- Cuocere la crema a fuoco dolce mescolando continuamente con la frusta finché vedrete che si addensa

- Spegnere e trasferire la crema immediatamente in una boule fredda, coprirla con la pellicola avendo cura di farla stare a contatto con la crema (questo per evitare che la crema faccia in superficie quello strato più solido) e riporre a raffreddare

Finitura e cottura torta

- Stendere i 2 / 3 della frolla prelevata dal frigo con un mattarello ed inserirla in una tortiera per crostate leggermente imburrata ed infarinata tenendo il bordo alto perché dovremo farcirla (noi abbiamo utilizzato uno stampo in silicone…ovviamente forma di cuore!)

- Bucare il fondo coi rebbi di una forchetta e versare la crema ormai fredda livellandola bene con una spatola

- Stendere il resto dell’impasto e coprire con esso la crema facendo attenzione a sigillare bene lungo tutto il bordo

- Cospargere la superficie di pinoli ed infornare a 170/180° per 35 minuti circa
- Fare raffreddare a temperatura ambiente e riporre e conservare in frigorifero

Servirla con zucchero a velo sopra e… nient’altro!